Piano di accumulo del capitale in criptovaluta: BTC, ETH, ADA, BNB, SOL

di


Postato


- Foto di Executium da Unsplash.com. -

Probabilmente hai già sentito parlare di un PAC, cioè di un piano di accumulo del capitale e potresti anche avere all’attivo un piano di investimento di questo tipo. Qui vogliamo fare un passo ulteriore e parlare del Piano di accumulo del capitale in criptovaluta.

Un PAC, è una modalità d’investimento nei crypto asset che potrebbe favorire la crescita del capitale investito in questa classe di attività su un periodo temporale ampio, ottenendo risultati migliori rispetto all’investimento in una unica soluzione.

Un PAC sulle criptovalute si presenta in particolare come una interessante opportunità di crescita per chi predilige investimenti di lungo termine.

Proseguendo la lettura vedremo nel dettaglio a chi si rivolgono i piani di accumulo del capitale in criptovaluta, come si possono realizzare e quale l’orizzonte temporale da considerare.

 

Acquista criptovalute in sicurezza e semplicità

Compra le migliori Criptovalute senza attese: BTC, XRP, ETH, LTC, Dash, BCH, XLM, BAT, ZEC, XTZ, TRX, USDT, USDC...

Compra Criptovaluta in Sicurezza →

Cos’è un Piano di accumulo del capitale (PAC)

Un PAC è una soluzione d’investimento pensata per mitigare le oscillazioni di prezzo degli asset di mercato.

Effettuando versamenti periodici si presuppone che il capitale investito tenda a crescere, sfruttando le fasi di rialzo e di ribasso che sempre accompagnano i mercati finanziari.

In altre parole, un PAC permette all’investitore prudente di acquistare attività finanziarie a prezzi differenti, per ottenere un prezzo medio migliore.

Un PAC classico prevede la sottoscrizione di un contratto con una banca (di solito la propria) o con un gestore di strumenti finanziari.

I versamenti sono automatici, anche se l’investitore è libero di interrompere un versamento o di variarne l’importo a piacimento (in aumento o diminuzione).

Inoltre, un PAC non presenta vincoli poiché l’investitore può ritirare la somma versata in qualsiasi momento.

I capitali investiti periodicamente attraverso un piano di accumulo del capitale, vengono versati in uno o più fondi d’investimento a seconda di come è stato impostato il piano. Sotto questo punto di vista alcune banche forniscono delle indicazioni, mentre altre lasciano che sia il cliente a decidere in autonomia in quali fondi intende investire.

Piano di accumulo del capitale in criptovaluta

Un piano di accumulo del capitale in criptovaluta funziona in modo non molto diverso rispetto a un PAC tradizionale. Anche in questo caso si stabilisce una quota da investire periodicamente per l’acquisto di criptomoneta, quindi si investe poco per volta.

Il PAC in criptovalute, sul lungo periodo permette all’investitore di compensare le fasi ribassiste con quelle rialziste e di trovarsi in una condizione di guadagno al termine dell’investimento.

Dove aprire un Piano di accumulo del capitale in criptovaluta?

Le piattaforme online che permettono l’acquisto ricorrente di criptovalute nella forma dei piani di accumulo sono abbastanza rare. Si tratta, infatti, di una opzione ancora poco praticata dalle piattaforme d’investimento specializzate nelle criptomonete.

Uno dei rari servizi che offre l’acquisto ricorrente di criptovaluta è Coinbase.com, un exchange di crypto asset americano quotato in borsa (al Nasdaq).

Attraverso il sito web di Coinbase si ha l’opportunità di impostare un acquisto ricorrente del tipo:

  • giornaliero;
  • settimanale;
  • due volte al mese;
  • o una volta al mese.

Tuttavia, le commissioni applicate da Coinbase su ogni acquisto ricorrente possono incidere erodendo il capitale, che altrimenti si potrebbe investire nell’acquisto di ulteriori criptovalute.

Ecco perché nell’organizzare un piano di accumulo del capitale in criptovaluta, è preferibile un metodo in autonomia che potrebbe dare anche migliori risultati seguendo alcune strategie pratiche.

- Foto di Tech Daily da Unsplash.com. -

Come creare un PAC di criptovalute in autonomia

Per ridurre le commissioni e investire il più possibile in un PAC di criptovalute, la soluzione ideale è usare una piattaforma di scambio (crypto exchange) dove effettuare acquisti mensili in autonomia impostando ordini direttamente nel mercato di riferimento.

Questa procedura è più economica di altre, poiché le commissioni sono nell’ordine dello 0,25% o anche meno in base al volume di acquisto effettuato.

Ecco, ad esempio, come funziona su Cex.io.

  1. Accedi a Cex.io o effettua la registrazione se è la prima volta.
  2. Deposita euro o altra valuta (USD, GBP) con trasferimento bancario o carte (debito e credito accettate).
  3. Vai nell’area “Trading” della piattaforma e scegli dal menu la criptovaluta sulla quale vorresti investire. Supponiamo che tu voglia fare un piano di accumulo mensile di bitcoin.
  4. Imposta ora un ordine di acquisto (100 euro, 150 euro, 200 euro, ecc.) ed esegui l’ordine al prezzo di mercato, oppure imposta un ordine limite con un prezzo del BTC un po’ più basso rispetto a quello praticato dal mercato in tempo reale.

Ripeti il punto quattro ogni mese o secondo un altro tipo di cadenza temporale che ritieni essere la migliore per te.

A chi si rivolge un PAC in criptovaluta?

In linea di principio chiunque è interessato a investire in criptovaluta, potrebbe attivare un PAC in autonomia attraverso la propria piattaforma di trading di riferimento o rivolgendosi all’exchange europeo cex.io.

Lo strumento risulta interessante per chi vorrebbe costruire un piano di investimento sulle criptovalute di medio-lungo periodo.

I piani di accumulo del capitale in criptovalute, anche se non possono escludere del tutto il rischio di perdita del capitale (si tratta di un investimento in una classe di attività rischiosa), presentano il vantaggio di far acquistare una o più criptovalute in un ampio arco temporale.

In sintesi, un PAC in criptovaluta si rivolge a:

  • investitori di lungo periodo;
  • investitori alla ricerca di una crescita costante;
  • a chi vuole ridurre il rischio;
  • a quanti non dispongono di una somma da investire in una unica soluzione.

Vediamo allora come costruire un buon piano di accumulo del capitale in criptovaluta, prendendo come esempio il bitcoin.

Piano di accumulo del capitale in Bitcoin (BTC): esempio

Dal momento che il piano di accumulo del capitale in bitcoin (BTC) lo costruiamo noi con le nostre mani, possiamo scegliere il momento giusto per investire in bitcoin o nelle altre criptovalute.

Non abbiamo, infatti, un sistema che in automatico prende i nostri soldi e li usa per acquistare bitcoin. Siamo noi in autonomia a decidere:

  • quanti euro convertire in bitcoin;
  • quando fare la conversione;
  • a che prezzo.

Abbiamo dalla nostra parte tutto ciò che serve per sfruttare il momento migliore per investire in BTC e, a differenza di quanto si potrebbe pensare, sono le fasi ribassiste quelle migliori.

La strategia che andrebbe preferita, infatti, prevede di convertire euro in bitcoin durante una fase ribassista della criptomoneta. Tali fasi si presentano spesso nell’arco di un mese e/o nell’arco di un anno.

Non dovendo necessariamente attivare un PAC con prelievi prefissati da qualcun altro, possiamo scegliere di comprare bitcoin anche solo nelle fasi ribassiste.

Il grafico qui sotto è un esempio di piano di accumulo del capitale in bitcoin con acquisti nelle fasi ribassiste.

Si può notare dai pallini blu quali siano stati i momenti d’acquisto scelti dal PAC in bitcoin del nostro esempio.

- Grafico Coinmarketcap.com. -

Il PAC in bitcoin riportato nel grafico ha previsto 6 acquisti nell’arco di 11 mesi, con una media approssimata di un acquisto ogni due mesi. Nel PAC in criptovaluta BTC sono stati versati 200 euro per ogni acquisto, per un totale di 1.200 euro. Naturalmente si sarebbero potuti sfruttare anche altri minimi, ma è questo giusto un esempio che aiuta a far comprendere le potenzialità di un piano di accumulo del capitale in crypto asset.

  1. 2 gennaio: 24.188 €
  2. 28 febbraio: 35.977 €
  3. 23 aprile: 39.962 €
  4. 8 giugno: 26.081 €
  5. 22 settembre: 34.712 €
  6. 26 novembre: 48.348 €

Il prezzo medio di carico (PMC) è stato di: 34.878 euro. Il guadagno è quindi del +27,86%*.

*Rispetto all’ultima rilevazione del prezzo fatta la sera del 26 novembre 2021, con il BTC a 48.348 euro. Grazie al PAC in criptovaluta, il prezzo medio di carico del BTC è risultato inferiore di 13.470 euro rispetto al prezzo rilevato in tempo reale.

Potrai applicare la stessa strategia anche a tutte le altre criptovalute e crypto token di tuo interesse, compresi quelli più di nicchia che troverai su gate.io.

Concludendo

Un piano di accumulo del capitale in criptovaluta è una soluzione ideale per gli investitori alla ricerca di una esposizione nel mondo dei crypto asset. Allo stesso tempo è una valida opportunità per quanti sono alla ricerca di una riduzione del rischio.

Abbiamo visto che un PAC in criptovaluta gestito in autonomia può avere un forte impatto positivo sul risultato finale, se si tende ad acquistare solo durante le fasi ribassiste.

Per chi volesse sperimentare la tecnica, potrà rivolgersi al proprio exchange di fiducia o alla piattaforma di scambio europea cex.io.

To the Moon! 🚀



Foto Fabio Carbone: autore articolo
Fabio Carbone
Scrittore web tecnico ma versatile, scrive di criptovalute e blockchain per quotidiani online, siti di settore e aziende. Ha seguito un corso accademico sull'Industria 4.0 applicata al business; ha ottenuto 2 certificati blockchain professionali: BerkeleyX e The Linux Foundation.
Ghost writer e amante delle tartarughe d'acqua dolce, nel tempo libero cura il blog www.rugatartaruga.eu.
Per contatti professionali: LinkedInTelegram.

Ledger Nano X

Articoli da Leggere