La Battaglia delle Criptovalute create dai giganti dell'IT

di


Postato


- Foto: Unsplash.com. -

Potrebbe essere possibile una vera e propria battaglia delle Criptovalute create dai giganti dell'IT?

Intendo: Facebook coin, Amazon coin, Google coin, Apple coin. E vorrei aggiungere anche Alibaba coin, ma temo che il governo cinese non lo permetterebbe mai.

I giganti dell'IT come Facebook, Google, Microsoft, Amazon, Apple, sono nate piccolissime in un garage o nella stanza di un college universitario. Oggi sono delle multinazionali con un grande potere: gestiscono reti e dati (un piccolo esempio su tutti i data center Google), logistica, investono in nuovi settori tecnologici, Amazon costruirà il suo aeroporto.

Potrebbero tentare la mutazione genetica e diventare tanto potenti da essere in grado di "battere moneta"?

Multinazionali dell'IT creatrici di una propria moneta digitale, con la quale tentare di dominare il web o almeno parte di esso, ma anche oltre.

Fantasia? Sì, per ora lo è, eppure...

La mia vuole essere solo una riflessione e, prima di considerarla come inutile, ti invito a leggere il resto e, spero al termine voglia dire la tua nei commenti.

 

Conserva le Crypto al sicuro

Gli hardware wallet sono i dispositivi migliori dove conservare le criptovalute al sicuro. I Ledger wallet conservano 1.250 criptovalute e token.

Prendi il tuo modello →

Le criptovalute decentralizzano la moneta

Lo sappiamo, bitcoin è una nuova forma di denaro completamente decentralizzata: non è stata coniata da uno stato sovrano, è accessibile a chiunque disponga di una connessione internet.

Questo cambiamento radicale, che toglie ai governi la prerogativa di essere gli unici a battere moneta, potrebbe essere sfruttata da grandi multinazionali dell'IT per battere una propria moneta.

Non è un mistero che Facebook ha in mente la sua moneta digitale già da tempo, che poi vi abbia rinunciato, ma che con l'avvento delle tecnologie dei ledger distribuiti è ritornata sui suoi passi.

Ad F8, l'evento annuale in cui Zuckerberg presenta tutte le novità di Facebook Inc., il fondatore del social network ha detto che in India si sperimenta una versione di WhatsApp che consente i pagamenti all'interno dell'applicazione stessa. Per chi conosce o ha usato WeChat, sa che non si tratta di niente di nuovo.

Ma Facebook Inc. può andare oltre WeChat, che dal governo cinese è stata obbligata addirittura a chiudere i gruppi di discussione sulle criptovalute.

Facebook: uno Stato "virtuale" da oltre 2 miliardi di persone

Zuckerberg, secondo alcuni quotidiani, sarebbe quasi pronto a lanciare la sua Facebook Coin, o meglio, Global Coin... no, forse Libra... 😵 Facebook Coin: punto.

Secondo altri, invece, ci vorrà ancora un po' di tempo e potrebbe anche non trattarsi di una criptovaluta, ma più in generale di una semplice valuta digitale.

Tralascio il lato tecnico: blockchain, DLT o altro? Perchè ciò che importa qui è la portata economica e sociale che Facebook coin avrebbe sul mondo.

Immaginate cosa significherebbe per una società come Facebook Inc., avere una valuta digitale?

Il social network Facebook avrebbe circa 2,2 miliardi di utenti (fonte: post Mark Zuckerberg 25 aprile 2018), di cui 1,4 miliardi di persone lo usano quotidianamente; Instagram poco più di un miliardo (fonte: Techcrunch.com); WahtsApp, altro servizio digitale di Facebook Inc., avrebbe 1,5 miliardi di utenti (Fonte: MobileWorld.it).

Ovviamente chi ha un account Facebook potrebbe avere anche WhatsApp e un account Instagram. Al netto di ciò, la portata di una moneta digitale emessa da Facebook Inc. non avrebbe paragoni nella storia: dal mio punto di vista.

Quale paese al mondo, infatti, può contare su 2,2 miliardi di persone? Nessuno, neppure la Cina.

La moneta di una multinazionale, la moneta di tutti

La multinazionale statunitense imporrebbe la sua moneta di fatto.

Sì, perché prima Facebook Inc. la farebbe usare ai suoi utenti privati e business per comprare prodotti e servizi all'interno delle sue piattaforme (Oculus, pubblicità, esperienze VR e AR, ecc.), quindi consiglierebbe agli utenti di usare Facebook coin per comprare e vendere prodotti nel marketplace interno al social network, e poi per le raccolte fondi e nei gruppi di acquisto, ecc.

E ancora Instagram e WhatsApp. WhatsApp implementerà un sistema di pagamento simile a quello che già usa il concorrente cinese WeChat, potremo quindi inviare e ricevere denaro ad amici, parenti e conoscenti o farci pagare dai clienti, direttamente dall'applicazione e usando Facebook coin.

Una moneta cross-platform

Volete che gli e-commerce, soprattutto quelli indipendenti dalle grandi piattaforme marketplace (Amazon, Rakuten, eBay), pur di attrarre nuovi clienti, non accolgano la novità di Facebook coin tra i metodi di pagamento accettati?

A mio avviso sarebbe strategico farlo e non solo per gli e-commerce, anche per tutte quelle aziende che vendono attraverso la Vetrina della pagina Facebook aziendale.

Un cambio di paradigma

L'esempio/ragionamento sintetizzato sopra, aiuta a comprendere che ci troviamo di fronte a un forte cambiamento di paradigma dell'agire economico che impatta significativamente sulle società... oserei definire il cambiamento incisivo sugli equilibri attuali.

I Governi, nello scenario solo appena abbozzato, pur restando i detentori del potere politico, legislativo e militare, si troverebbero nella condizione di dover cedere l'autorità monetaria, anche se solo parzialmente.

Cedere l'autorità monetaria in mano a chi è una questione rilevante, e credo che presto le Banche centrali si daranno una svegliata (leggere: Europa e Crypto Asset: stabilità finanziaria, politica monetaria, infrastrutture di pagamenti).

Restando sullo scenario ipotizzato, mi permetto di aggiungere che non è poi così utopico o assurdo.

Siamo tutti d'accordo che bitcoin non è una utopia, eppure, chi mai immaginava dieci anni fa, che il prezzo del bitcoin, avrebbe raggiunto vette così alte? Non è una multinazionale come Google (prezzo massimo azioni Google 1.296 USD il 29/04/2019), non vende un prodotto o servizio.

- Foto di ArtCoreStudios da Pixabay.com. -

E la battaglia delle Criptovalute create dai giganti dell'IT?

La battaglia resta, Facebook è un esempio di cosa potrebbe significare avere la moneta di una multinazionale dell'IT.

Prendiamo Amazon

Amazon non accetterà mai bitcoin o altre criptomonete nella sua piattaforma, mia personale opinione.

La visione di Jeff Bezos è molto "centrica":

  • in Italia è diventato un operatore postale,
  • ha la sua rete di distribuzione merci,
  • costringe le società ad affidare i prodotti alla sua catena di distribuzione ( Amazon è indagata per abuso di posizione dominante),
  • Bezos ha Amazon Pay,
  • possiede una infrastruttura di cloud computing enorme, AWS, con cui offre anche servizi blockchain-as-a-service (https://aws.amazon.com/it/blockchain/),
  • ha brevettato un sistema di generazione di Merkle Tree col metodo proof-of-work (Brevetto numero US 10,291,408 B2 del 14 maggio 2019),
  • entro il 2021 avrà un aeroporto negli USA, da dove volerà la compagnia Prime Air: aerei + droni.

Intanto Amazon pensa ad espandere l'e-commerce nelle aree del pianeta dove ancora manca una rete di commercio elettronico (l'Italia è una delle terre di conquista).

Raggiunta una buona espansione territoriale e aperti anche i suoi supermercati del futuro, la "coniazione" di Amazon coin sarà un passaggio naturale (dal mio punto di vista).

Quindi la battaglia tra le criptovalute dei Giganti IT?

Se queste sono le premesse, che ciascun gigante dell'IT si crea la sua criptovaluta è un bene per scongiurare il monopolio assoluto.

Dalla battaglia ne deriverebbe una sana competizione, a beneficio di tutti.

Ma davvero lo scenario fino ad ora ipotizzato sarà possibile? 🤔

Il tallone d'Achille di Facebook coin

I libertari e credenti nelle criptovalute possono stare tranquilli, bitcoin e le criptovalute (quelle vere), sussisteranno. Ed il perché è semplice.

Facebook Inc., Amazon.com Inc., Google, sono aziende soggette alle leggi degli stati in cui sono registrate. Qualsiasi violazione delle leggi verrebbe repressa con la chiusura del sistema monetario o dell'azienda stessa.

Più difficile fermare l'intera rete bitcoin, dal momento che è decentralizzata per davvero.

Concludendo

Bitcoin resterà l'esempio di moneta digitale decentralizzata meglio riuscita, allo stesso tempo, assisteremo alla grande battaglia delle criptovalute dei giganti dell'IT o presunte tali.

Ad alcuni verranno forti mal di pancia nel vedere circolare Facebook coin, Amazon coin, e così via. Ma dovranno farsene una ragione perché anche il business è unstoppable.



Foto Fabio Carbone: autore articolo
Fabio Carbone
Scrittore web tecnico ma versatile, scrive di criptovalute e blockchain per quotidiani online, siti di settore e aziende. Ha seguito un corso accademico sull'Industria 4.0 applicata al Business; ha ottenuto una certificazione blockchain professionale.
Ghost writer all'occorrenza ed amante delle tartarughe d'acqua dolce, nel tempo libero cura il blog www.rugatartaruga.eu.
Per contatti professionali: LinkedInTelegram.

Ledger Nano X

Articoli da Leggere

Blockchain e Smart Contract a prova di Clienti non Paganti

Blockchain e Smart Contract. Come liberi professionisti e aziende, potranno difendersi da clienti non paganti.

Leggi Tutto →