Tecnologia Blockchain e Smart Contract a prova di Clienti che non pagano

di


Postato


- Foto di Sebastian Herrmann da Unsplash.com. -

Troppo spesso liberi professionisti e imprese sono alle prese con clienti non paganti o che "la tirano per le lunghe" e prima che paghino lasciano trascorrere settimane, mesi, fino a rendere il recupero improduttivo e anti economico addirittura.

Possono la tecnologia blockchain e gli smart contract venire in soccorso e difendere il lavoro delle imprese e dei liberi professionisti?

Potranno cioè degli applicativi decentralizzati e quindi autonomi, aiutarci a trovare solo clienti paganti e che rispettano tempistiche accettabili in linea con le esigenze dell'azienda?

Perché alcune aziende, a causa di clienti non paganti addirittura falliscono. Prendiamo il caso di quelle imprese che lavorano per le pubbliche amministrazioni e che attendono da anni il pagamento delle fatture.

Come potrebbe aiutare quindi questa nuova tecnologia? Concettualmente come segue.

 

Conserva le Crypto al sicuro

Gli hardware wallet sono i dispositivi migliori dove conservare le criptovalute al sicuro. I Ledger wallet conservano 1.100 criptovalute e token.

Prendi il tuo modello →

Contratto con fondo a garanzia matematicamente vincolato

L'applicazione in questione consentirebbe alle parti di stipulare il contratto al suo interno, sostituendo le classiche versioni cartacea o come documento digitale.

Il nuovo tipo di contratto generato attraverso uno smart contract, vincolerebbe il cliente al versamento dell'intera somma preventivata in un meccanismo escrow, cioè versando i fondi necessari a coprire la commessa di lavoro in una sorta di fondo a garanzia del lavoro commissionato.

Quindi, in questo modo, il committente verrebbe obbligato a versare quanto preventivamente pattuito tra le parti all'interno del sistema decentralizzato, registrando lo smart contract contenente l'escrow come transazione economica sulla blockchain o DLT.

Piattaforma pubblica, non permissioned

A quale piattaforma blockchain è consigliabile affidarsi in questo caso?

Come piattaforma blockchain possiamo pensare ad Ethereum, ma anche ad altre piattaforme pubbliche.

In questo caso è consigliabile affidarsi a blockchain permissionless e non permissioned, perché nel secondo caso si potrebbe incorrere in complicate truffe che la mente umana è pronta a escogitare pur di superare ostacoli che le consentano di raggiungere il proprio scopo: non pagare la fattura.

Non sarebbe difficile pensare, in questo contesto, a false blockchain permissioned dove non verrebbe vincolato nessun fondo a garanzia del pagamento del lavoro commissionato.

Una falsa blockchain, un falso sistema decentralizzato creato ad arte per continuare a truffare anche al tempo dell'era digitale.

Come paga il cliente?

Il cliente vincolerà, contestualmente alla stipula del contratto, criptovaluta in suo possesso. Ad esempio su piattaforma Ethereum, userà la relativa criptomoneta ETH.

I fondi verrebbero vincolati sia dalla firma del cliente che dalla firma dell'azienda esecutrice.

Arbitrato

Sempre da un punto di vista concettuale, si potrebbe anche prevedere un arbitrato, per dirimere eventuali controversie tra le parti.

Concludendo

Liberi professionisti e imprese, sono certo, non sperano altro che un siffatto applicativo possa essere davvero disponibile un giorno.



Foto Fabio Carbone: autore articolo
Fabio Carbone
Scrittore web tecnico ma versatile, scrive di criptovalute e blockchain per quotidiani online, siti di settore e aziende. Ha seguito un corso accademico sull'Industria 4.0 applicata al Business; ha ottenuto una certificazione blockchain professionale.
Ghost writer all'occorrenza ed amante delle tartarughe d'acqua dolce, nel tempo libero cura il blog www.rugatartaruga.eu.
Per contatti professionali: LinkedInTelegram.

Ledger Nano X

Articoli da Leggere

Earn.com: ottenere Bitcoin gratuiti

Earn.com, piattaforma di microtasking.

Leggi Tutto →
Stellar (XLM) gratuiti su Coinbase Earn: come averli

Come mettere in tasca Stellar (XLM) gratuiti.

Leggi Tutto →